Translate

giovedì 4 maggio 2017

ALBERTO CALLE A COLLOQUIO CON FABIO PORTA PARLANO DELLE PRIMARIE E IL NUOVO SEGRETARIO MATTEO RENZI


Alberto Calle ha incontrato L'On. Fabio Porta del Partito Democratico, gli ha fatto le vive congratulazioni per l'elezione democratica del segretario nazionale, e ha colto l'occasione per salutare l'elezione del nuovo segretario Matteo Renzi.

1) Questa volta dicono che, le votazioni sono calati del 30%, ma nonostante ciò, i votanti sono stati circa due milioni a livello nazionale. Con quale metodo hanno votato i connazionali iscritti all'AIRE?


la partecipazione, intorno ai due milioni di elettori, è un grande successo: ci si aspettava un milione di persone e - considerando che eravamo a cavallo di un lungo ponte festivo - possiamo ritenerci soddisfatti.   Nessun partito in Italia e forse al mondo mobilita tante persone per una propria elezione interna.   All'estero sono stati allestiti seggi in tutti i continenti e nei Paesi a maggiore presenza italiana; è stato anche consentito il voto on-line per chi non poteva recarsi presso un seggio.

2) Anche sé, personalmente non condivido che si permetta il voto agli stranieri. Qual è la sua opinione al riguardo e quanti di loro hanno votato alle primarie?


Il voto agli stranieri che vivono in Italia è un grande segnale di civiltà e democrazia. Anche i sedicenni hanno potuto votare e presto con lo 'ius soli' daremo nuovi diritti ai milioni di cittadini immigrati che vivono legalmente in Italia; siamo un Paese di emigrazione e non dovremmo mai dimenticarlo.   Non ho un dato preciso, ma so che tanti di loro hanno partecipato alle nostre primarie.

3) Il Partito democratico ha una forte presenza nel territorio nazionale e nelle nostre comunità all'estero, come si spiega questa affluenza dell'elettorato?


Come dicevo, siamo l'unico partito organizzato e radicato sul territorio, in Italia e all'estero. E ciò nonostante la crisi della politica e delle istituzioni. Dobbiamo fare di più, avvicinando i giovani alla politica e strutturando meglio il nostro partito sia in Italia che all'estero.

4) Che messaggio vuole dire agli elettori del PD e ai connazionali non iscritti al Pd?

Il messaggio è questo: il Partito Democratico è l'unica seria proposta di governo per il Paese e l'unica vera alternativa alla deriva dei populismi di destra e di sinistra; il più grande partito riformista e progressista europeo, riferimento storico e morale anche per l'Europa, della quale abbiamo festeggiato poche settimane fa i 60 anni dal Trattato costitutivo di Roma. L'unico partito, infine, che mette gli italiani all'estero al centro delle proposte programmatiche e che si preoccupa dei loro bisogni e delle loro aspettative, anche perché ne conosciamo le grandi potenzialità per il futuro dell'Italia !

Fonte: http://www.politicamentecorretto.com/index.php?news=93375

http://www.aise.it/eletti-allestero/primarie-e-non-solo-a-colloquio-con-fabio-porta--di-alberto-calle/87291/157

http://www.le-ultime-notizie.eu/articulo/primarie-e-non-solo-a-colloquio-con-fabio-porta-di-alberto-calle/2925206


mercoledì 3 maggio 2017

Il Giappone torna al Nucleare, l’Italia quando? - Garigliano, viaggio nella centrale nucleare in dismissione - Discorso di ORBAN il PM Ungherese SOTTOTITOLI IN ITALIANO


Nonostante il disastroso incidente nella centrale di Fukushima, il governo del Giappone ha deciso di ritornare al nucleare, saggia decisione visto che non vuole essere un dipendente energetico di altri paesi.
Riparte così il primo reattore a Sendai, nonostante le proteste il governo del premier Shinzo Abe continua a ritenere l’energia atomica fondamentale e la promuove con forza, è una saggia decisione, perché così il Giappone sarà libera ed indipendente con l’energia.
La cosa più strana è che avviene subito dopo le commemorazioni per i 70 anni dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki, al quale mi permetto di salutare il Giappone in occasione di questa pagina triste della loro storia.
Il nostro Paese prima dell’incidente di Fukushima aveva individuato un luogo sicuro per la costruzione di una nuova centrale nucleare, cosa che avrebbe fatto calare i prezzi delle bollette ai cittadini e alle imprese, ma la cosa più importante era l’indipendenza energetica dell’Italia, e una parte di uso esclusivo per la Difesa Nazionale, il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che visitò il Giappone e fece, a mio avviso, opportuna un incontro con la nostra Comunità residente in Giappone, dovrebbe ora chiedersi quando sarà il giorno in cui l’Italia farà questo saggio passo di pensare all’energia nucleare?
Forse è il caso che il nostro Paese pensi all’indipendenza energetica e pensi ad accendere i reattori nucleari.

Fonte:

http://www.newsjs.com/url.php?p=http://www.avantionline.it/2015/08/scrive-alberto-calleil-giappone-torna-al-nucleare-litalia-quando/











FERNANDO CALLE : ESTA ES LA ÙLTIMA OPORTUNIDAD QUE TENEMOS PARA DECIR: ¡ BASTA YA CON LA IMPUNIDAD! -




FERNANDO CALLE HAYEN SOBRE ELEVADOS PRECIOS DE PRODUCTOS DE PRIMERA NECESIDAD:

Il Perù non conosce la crisi


https://www.facebook.com/pages/Fernando-Calle-Hayen/291500827713935

https://twitter.com/fernandocalle_h








Victor Ponta: "La Romania entrerà nell'Eurozona quando l'Europa avrà superato la crisi."



https://www.youtube.com/watch?v=Z4rdIxoyxyY

Roi du Maroc, le règne secret - Marocco: sciopero mette in crisi il porto di Casablanca


Marocco: sciopero mette in crisi il porto di Casablanca

https://www.youtube.com/watch?v=Z4rdIxoyxyY


mercoledì 5 aprile 2017

NON SOTTOVALUTARE LE INDICAZIONI DELL'INTELLIGENCE - Orsini: Possibili attentati in Italia nel 2018 - Imam di Londra: "Non stupitevi se anche in Italia ci saranno ATTENTATI. Un giorno ROMA SARÀ NOSTRA" - Terrorismo, Pini: governo corresponsabile, immigrazione affare per coop e caritas - Immigrati; rischio infiltrazioni - L'Imam dei terroristi assolto in Italia - Australia's zero tolerance of migrants: A lesson for Italy - Italy to Crack Down on Illegal Immigration Amid Out Of Control Migrant Crisis in Europe (REACTION)


A quanto ci risulta, lo scorso 27 febbraio 2017, sembra che i nostri 007 abbiano inviato la relazione annuale dell'intelligence al Parlamento, in cui consiglia quanto segue: E' sempre più concreto il rischio che alcuni soggetti "radicalizzati in Italia" decidano di non partire verso Siria ed Iraq, determinandosi a compiere il jihad direttamente nel territorio nazionale. Ma il problema a quanto sembra non viene affrontato come si dovrebbe dalla classe politica, pur sapendo che, tra le priorità nella politica nazionale centrerebbe la sicurezza interna ed esterna, perché, a quanto pare, non ascoltano le possibilità delle infiltrazioni terroristico tra i richiedente asilo, oppure, immigrati clandestini, visto che gli 007 rilevano come verso l'Italia ci sia un'incessante ondata migratoria e l'ingente afflusso di migranti in un lasso di tempo breve può stressare le comunità straniere presenti in Italia, determinando il rischio di possibili derive criminogene ed islamico-radicali quale frutto del risentimento per le aspettative tradite e del disappunto per le condizioni di disagio nei contesti ospiti. Ora come l'ho detto prima sarebbe opportuno cominciare la politica del rimpatrio, così si darebbe una risposta all'allarme lanciato dall'intelligence e si garantisce la sicurezza interna tanto richiesti dagli elettori Italiani, nonché, la chiusura totale o parziale delle moschee presenti sul territorio, ricordiamoci che l'allora ministro dell'Interno Angelino Alfano aveva espulso alcuni Iman con motivazione della sicurezza nazionale.
 
Basta ricordare che lo scorso 8 marzo 2017, il Consiglio Europeo e in particolare il rappresentante speciale del segretario generale del Consiglio d'Europa per le migrazioni e i rifugiati, l'ambasciatore Tomas Bocek, ha messo in guardia l'Italia dal punto di vista delle debolezze del sistema di rimpatri volontari e delle espulsioni forzate, considerando che ci sono pochi rimpatri, ritiene che così, incoraggia l'afflusso di un sempre maggior numero di migranti economici irregolari. Perciò, chiedo alla classe politica e in particolare al PD, di non sottovalutare i consigli dell'Unione Europea e dei nostri Intelligence, non solo perché potrebbe essere in gioco la sicurezza interna, ma anche quella esterna, ricordiamoci che tra alcuni attentati in Francia e altri paesi d'Europa, a quanto sembra, gli attentatori erano immigrati illegali entrati dall'Italia, perciò, ritengo opportuno cambiare la politica dell'immigrazione, accelerando i rimpatri e le espulsioni degli immigrati clandestini, così si garantisce la sicurezza interna e a sua volta potremmo tranquillizzare gli alleati dell'Unione Europea, eppure, la Svizzera che ora ha chiuso i valichi nella frontiera con l'Italia, cosa che condanno con fermezza, condividendo la convocazione dell'Ambasciatore svizzero Giancarlo Kessler, ma a sua volta capendo le ragioni della svizzera e la sua preoccupazione come forse, quella dell'Ue, in quanto all'incapacità della nostra politica sugli immigrati clandestini, rimpatri, e i rifugiati. Forse la nostra classe politica, sia il governo che l'opposizione non riescono ad affrontare con determinazione il problema esposto non solo dall'UE, dalla Svizzera o dai nostri Intelligence, forse pensano solo alla loro indennità, lasciando da parte i problemi del Paese e dei cittadini elettori o forse non hanno la capacità di risolverlo, ma con questa politica del buonismo, sta danneggiando il turismo, l'economia, e gli stessi elettori. Confido che il buon senso della classe politica riuscirà a seguire i consigli, prima che sia troppo tardi, o prima che il mondo chiuda le frontiere all'Italia.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  

martedì 28 febbraio 2017

COLLOQUIO CON IL MOVIMENTO POLITICO RAGIONE & LIBERTA'



Alberto Calle ha incontrato i dirigenti del Movimento Politico Ragione & Libertà, è un movimento che si ha creato da poco, però, con tanti progetti a livello territoriale e nazionale. Tra le discussioni si ha parlato dell'attualità politica dell'Italia e di quale futuro si prospetta per il Paese, inoltre, l'incertezza dell'Unione Europea e delle prossime elezioni a Frascati.

http://www.movimento-ragioneliberta.it/

 
 

Fonte: http://www.politicamentecorretto.com/index.php?news=91991